I nostri temi  

   
Cinque per mille per BCP
hr

legge 124
hr

Iscriviti alla newsletter
hr

Seguici su Facebook
   

41. Ministro Zanonato, per favore non cerchi di ridurre le bollette!

Dettagli

indexMinistro Zanonato, per favore non cerchi di ridurre le bollette!

Il titolo non è provocatorio ed analizzando le ultime delibere dell’Autorità (che dal primo gennaio ha ampliato il proprio titolo divenendo "Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico"), ne apparirà chiaro il senso.

Roberto Meregalli, 9 gennaio 2014 - Energia Felice
Elettricità +0,7%

Dal primo gennaio le tariffe elettriche sono aumentate dello 0,7%.
Come mai si sono chiesti in molti, visto che il prezzo del gas non è salito e si decanta (perlomeno qui) il calo del prezzo all’ingrosso derivante anche dalla generazione fotovoltaica ed eolica?
Orbene, come ha chiarito la stessa Autorità, l’aumento non ha niente a che fare con la generazione di elettricità. "Per l’elettricità, l’incremento complessivo dello 0,7% della bolletta della famiglia tipo è determinato dall’introduzione dal mese di gennaio di un nuovo onere generale di sistema, la componente ‘Ae’ per finanziare le agevolazioni alle imprese manifatturiere con elevati consumi di energia elettrica introdotte dalla legislazione".
Quale legislazione? Il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 che ha stabilito di fare uno sconto alle "imprese a forte consumo di energia, in base a requisiti e parametri relativi a livelli minimi di consumo ed incidenza del costo dell'energia sul valore dell'attività d'impresa".
Questa nuova componente degli oneri, da sola, avrebbe determinato un incremento dell’1,6% della bolletta, ma per fortuna il calo del costo del chilowattora ha mitigato l’aumento. Ma attenzione sinora è stata contabilizzata la prima tranche di 400 milioni, ce ne sono altri 820 da recuperare per il 2014.
Questo aumento è l’ennesimo esempio di come la bolletta si diventata una sorta di bancomat su cui scaricare i costi della pazzesca politica energetica e fiscale italiana.

Quindi il ministro Zanonato, che dall’inizio del suo operato parla di ridurre il costo della bolletta, dovrebbe invece dedicarsi ad un altro meritorio sforzo: trasformare le bollette riportandole al loro scopo originario, eliminando tutti i carichi impropri che ne falsano la natura. Centrerebbe così il suo obiettivo originario.

Se ti interessa continua a leggere qui

   

Energie